PROCLAMATI I VINCITORI del “CONCORSO NAZIONALE MATTEOTTI PER LE SCUOLE” 2020/21

Ricordare Giacomo Matteotti e la sua testimonianza di libertà e di democrazia

Anno scolastico 2021/2022

Il Ministero dell’Istruzione − Direzione Generale per lo Studente, l’Inclusione e l’Orientamento scolastico, la Fondazione Giacomo Matteotti – ETS e la Fondazione di Studi Storici Filippo Turati hanno indetto, per l’anno scolastico 2021/2022, la settima edizione del Concorso nazionale “MATTEOTTI PER LE SCUOLE” rivolto agli alunni della scuola secondaria di secondo grado.

L’iniziativa si inserisce in un piano di interventi complessivo che il MI promuove da anni per la formazione dei giovani alla cittadinanza attiva ed alla conoscenza delle istituzioni democratiche. Il Concorso si colloca peraltro nell’ambito delle attività culturali e di promozione della formazione civile del cittadino che la Fondazione Giacomo Matteotti – ETS e la Fondazione di Studi Storici Filippo Turati Onlus da tempo promuovo – congiuntamente e in stretta collaborazione con in Ministero – per i giovani e mira, grazie al coinvolgimento delle scuole secondarie di secondo grado di tutta Italia, a favorire la cultura della cittadinanza attiva e della conoscenza e del rispetto delle istituzioni e dei valori fondanti di una società civile.

Scarica il pdf o leggi di seguito per scoprire il concorso e i vincitori

In questa edizione, i partecipanti al Concorso sono stati chiamati sviluppare la seguente traccia: “Contro ogni violenza: attualità della testimonianza morale e civile di Giacomo Matteotti”.

Tale scelta tematica ha inteso proporsi quale sussidio allo studio dell’educazione civica e dei principi e dei valori fondativi della Costituzione della Repubblica italiana. Pertanto, gli studenti sono stati invitati a produrre elaborati che rappresentino, alla luce del tema sopra indicato, la loro visione dei valori democratici inseriti nella complessità dell’attuale società.

Al fine di garantire agli studenti partecipanti la massima libertà espressiva, una volta individuata l’area tematica, è stato possibile partecipare attraverso la scelta di una delle seguenti tre categorie di elaborato:

  • Categoria testi: testi per la stampa o per il web per un massimo di 5.000 (cinquemila) battute
  • Categoria grafica: opere di grafica digitale, fotografie (bianco nero o colore) corredate da una didascalia (di venti battute comprensive di un titoletto di due/tre parole) descrittiva dell’elaborato;
  • Categoria prodotti multimediali: servizi radiofonici o televisivi o di web giornalismo, ovvero video o elaborati audiovisivi multimediali della durata massima di 3 (tre) minuti.

In considerazione delle difficoltà didattiche ed organizzative connesse all’emergenza sanitaria nazionale e al contrasto alla pandemia da Covid-19 e tenuto conto delle richieste in tal senso pervenute da diversi istituti, la Commissione esaminatrice ha prorogato dal 15 aprile al 31 maggio 2022 il termine ultimo per la presentazione degli elaborati.

*

Si segnala che anche per questa edizione il lavoro della Commissione esaminatrice è stato particolarmente impegnativo a causa del numero e della qualità mediamente assai elevata delle opere in concorso, giunte peraltro da tutte le regioni d’Italia. A tutti i partecipanti va comunque il plauso e l’apprezzamento degli Enti proponenti in considerazione dell’impegno corale ed appassionato di studenti e docenti che ha significativamente contribuito ad illustrare la figura e l’eredità civile e morale di Giacomo Matteotti, anche nella prospettiva dell’ormai imminente centenario della tragica scomparsa.

All’esito di un attento esame dei lavori presentati, la Commissione ha selezionato i seguenti elaborati meritevoli di premio o di menzione.

CATEGORIA TESTI

Il premio Matteotti per le scuole categoria testi

va a Eredità di Giacomo Matteotti

della studentessa Federica Russo della classe V b dell’I.I.S. “Silvio Lopiano” di Cetraro (CS),

docente la Prof.ssa Giovanna Grambone

con la seguente motivazione:

“Il testo, di rara efficacia, si segnala per l’alta cura realizzativa, per il pathos che riesce a trasmettere al lettore e per la non comune eleganza di scrittura. La Commissione ha particolarmente apprezzato l’originalità dell’approccio al tema − che richiama il celebre discorso di Matteotti alla Camera dei deputati del 30 maggio 1924 − e la forte drammatizzazione ottenuta con l’efficace invenzione offerta dalla prospettiva narrativa di un partecipante-osservatore che si confronta con i valori e con la lezione civile di Matteotti e attraverso essi matura una rinnovata coscienza civile divenendo così, da muto testimone, attore della Storia”.

Una menzione per la categoria testi

va a Corrispondenze del passato

delle studentesse Sofia de Angelis e Greta Rruci, della classe V b dell’ISISS “Cicognini-Rodari” di Prato

docente il Prof. Andrea Sacchetti

con la seguente motivazione:

“Di particolare freschezza inventiva, il testo assume una particolare valore nel richiamare l’assassinio di Matteotti e il tragico contesto in cui esso maturò attraverso lo scambio epistolare, datato al 1924, tra due testimoni indiretti dell’evento che condividono considerazioni, emozioni, sensibilità civili nel commentare, attoniti, l’accaduto. Le due missive sono lette da un ragazzo di oggi che, sull’onda emotiva della narrazione epistolare, si interroga − con sensibilità e spirito civico − sulla genesi e sul significato della violenza e sui valori fondativi della convivenza civile”.

Una menzione speciale per la categoria testi

va a La figura di Giacomo Matteotti

della studentessa Morgana Stocchi della classe III media b dell’Istituto Comprensivo

“Giovanni Lucio” di Muggia (TS)

docente il Prof. Stefano Manente

con la seguente motivazione:

“Con prosa scorrevole e con un approccio originale − che muove da una curiosità toponomastica per arrivare a considerazioni sui principi fondativi della democrazia, dalla giustizia sociale al culto della libertà e della verità − la figura di Giacomo Matteotti viene ben tratteggiata nel testo, che si fa apprezzare sia per la cura realizzativa che per la giovane età della concorrente, che proviene dalla scuola media. Attribuendo la menzione, la Commissione intende riconoscere il valore e l’impegno anche dei ragazzi più giovani e dei loro docenti − con ciò anticipando la decisione, formalizzata nel Bando per l’edizione 2022/23 del Concorso, che allarga la platea dei partecipanti alla scuola secondaria di primo grado”.

Una speciale segnalazione va, infine, ai Dialoghi con Christian sulla Costituzione italiana realizzati dallo studente Christian Panozzo e dalla classe Ve dell’I.I.S. “Mario Rigoni Stern” di Asiago sotto la guida del Prof. Denis Imberti. Già vincitore nel 2019, il testo, ora ripresentato in forma ampia ed integrale, non risponde ai requisiti previsti dal Bando ma tuttavia si segnala quale felice e brillante conclusione di un iter di studio e creativo che ha dato luogo a un’opera brillante e di sicuro valore.

CATEGORIA GRAFICA


Il premio Matteotti per le scuole categoria grafica

va a Il ricordo di Matteotti

degli studenti Roberta Leonardo, Paolo Antonuccio, Marika Donato e Viviana Perri Yorleni della classe II a dell’I.I.S. “Silvio Lopiano” di Cetraro (CS)

docente la Prof.ssa Giovanna Grambone

con la seguente motivazione:

“Di particolare forza espressiva, unita al vigore del tratto ed alla apprezzabile sicurezza compositiva, l’opera è una ‘tecnica mista’ che porta la seguente didascalia: La memoria di chi ha dato la vita per affrontare intoppi umanitari non deve essere dimenticato. Il volto viene rappresentato con tecniche pittoriche, i solidi posti proietteranno l’ombra dell’Aquila fascista. Il fondo è rivestito dal giornale ´Il Popolo d’Italia`, attraverso il quale Mussolini denuncia Giacomo Matteotti. Il lavoro collettivo dei giovani autori risulta di particolare impatto e si impone per la buona tecnica, evidentemente unita ad una forte adesione ideale al tema.”

Una menzione per la categoria grafica

va a Matteotti smacchia (il detergente contro l’illegalità…)

della classe I a – ITA dell’I.I.S.S. “Giuseppe Lombardo Radice” di Bojano (CB)

docente la Prof.ssa Italia Martusciello

con la seguente motivazione:

“Merita una menzione particolare il lavoro collettivo degli studenti del “Lombardo Radice” di Bojano che presenta una divertente quanto efficace composizione nella quale una robusta capacità evocativa si somma all’ironia con il risultato di catturare l’attenzione del lettore e di focalizzarla sulla lezione morale e civile di Giacomo Matteotti. Realizzato in tre tavole (ma disponibile anche in formato e-book) l’opera grafica esalta il tema della legalità, così caro Matteotti, declinandolo in un linguaggio giovane, spigliato e di presa immediata”.

CATEGORIA PRODOTTI MULTIMEDIALI

Il premio Matteotti per le scuole categoria prodotti multimediali

va a Non ti ho forghettato. Velia Matteotti e l’amore che resiste

della classe IV a del Liceo Classico “A. Manzoni” di Mistretta (ME)

docente Prof.ssa Anna Maria Fratantoni

con la seguente motivazione:

“Con rara efficacia, che scaturisce da un’intensa tensione poetica, da una sceneggiatura elegante e dalle eccellenti doti attoriali dei giovani interpreti, il video Non ti ho forghettato (titolo che riprende un anglicismo affettuosamente usato da Velia nella corrispondenza con il suo Giacomo) si segnala per l’efficacia della resa del lutto della vedova Matteotti in forma di ricordo amoroso e di compianto funebre, accompagnato da un coro tragico che si ispira a Le madri di Euripide. Il ‘corto’, della durata di 3’ e 35”, è un lavoro colto ed elegante, che non rifugge la citazione classica o i riferimenti all’arte funeraria siciliana: un elaborato certamente ambizioso nella forma come nel risultato, che si avvale di una eccellente musica originale, anch’essa al servizio di una produzione di alto livello “.

Ex aequo con Il diario di Giacomo Matteotti

Della classe IV del Liceo Scientifico-Scienze Applicate “A. Manzoni” di Mistretta (ME)

docenti: Prof.ssa Maria Rosaria Antoci e Prof.ssa Angela Ceraolo

con la seguente motivazione:

“Realizzato con grande cura e con particolare efficacia narrativa il video, un ‘corto’ della durata di 2’ e 26”, attraverso immagini che rievocano il primo Novecento ricostruite con particolare efficacia evocativa e grazie ad una partecipe voce narrante, racconta la vicenda umana e politica di Giacomo Matteotti con apprezzabile forza evocativa, grazie anche a un testo essenziale ma diretto che coglie, con eccellente sintesi, il senso e l’idealità del lascito morale e civile di Giacomo Matteotti. Il video restituisce il senso della sua vicenda umana e politica in una accattivante forma diaristica narrata con cura per suoni ed immagini”.

Prima menzione per la categoria prodotti multimediali

per Giacomo Matteotti, un eroe consapevole

Della classe IV del Liceo Scientifico-Scienze Applicate “A. Manzoni” di Mistretta (ME)

docenti: Prof.ssa Maria Rosaria Antoci e Prof. Giuseppe Piscineri

con la seguente motivazione:

“Nel ‘corto’ della durata di 5’ e 10” la vita di Giacomo Matteotti è affidata ai ricordi della madre. Il lavoro, di taglio agile e di buona presa, si avvale di un montaggio agile, di una apprezzabile ricerca iconografica e di filmati di repertorio e coinvolge attivamente gli studenti nella duplice veste di spettatori e di protagonisti.”

Seconda menzione per la categoria prodotti multimediali

per Sintassi della non violenza

della classe V a del Liceo Classico “A. Manzoni” di Mistretta (ME)

docente Prof.ssa Anna Maria Fratantoni

con la seguente motivazione:

“Merita una menzione speciale questa videoproduzione della durata di 2’ e 31” che, in virtù di una narrazione per i margini fortemente innovativa, evoca nella felice immagine della “nave” della non violenza illustri personalità che dall’età matteottiana ad oggi − da Filippo Turati a Davide Sassoli − hanno illustrato il tema della non violenza. Il lavoro, articolarmente originale anche nella veste grafico-narrativa, si segnala per la felice adesione al tema del bando”.

*

Ai premiati e ai menzionati saranno inviati un’attestazione ufficiale del Ministero dell’Istruzione e un’ampia selezione di pubblicazioni a cura delle Fondazioni Giacomo Matteotti e di Studi storici Filippo Turati. I lavori prescelti saranno pubblicati, previo rilascio del consenso degli Autori e della relativa liberatoria, sui siti internet delle Fondazioni e sul sito dedicato.

*

CERIMONA DI PREMIAZIONE

La cerimonia di premiazione della VII edizione del Concorso nazionale “Matteotti nelle scuole” si terrà entro il mese di gennaio 2023 secondo modalità e nella data che verranno per tempo comunicate.

Si segnala, infine, che il bando di concorso per l’anno scolastico 2022/2023, di recente pubblicato, propone per l’VIII edizione del Concorso nazionale “Matteotti nelle scuole” il seguente tema:

Contro la guerra: la testimonianza e l’eredità di Giacomo Matteotti

Sarà, da questa edizione, aperto anche agli studenti della secondaria di primo grado.

Gli elaborati – realizzati a scelta dei concorrenti in forma di testo (fino a un massimo di 5.000 battute), elaborazione grafica o produzione audiovisiva (della durata massima di 4’) – dovranno pervenire ai recapiti indicato nel bando entro il 31 marzo 2023.